Caro Tosi. Lettera aperta al sindaco di Verona (storie di poltrone e di lupi)

MAR
21

Caro Tosi. Lettera aperta al sindaco di Verona (amante della poltrona non del Veneto) storie di lupi .

Caro Flavio,sheep

Non ci conosciamo di persona (per fortuna) e se ti devo dire la verità mi sei diventato antipatico da quando hai fatto quello stupido decreto che autorizzava l’abbattimento dei lupi della Lessinia. Chi conosce i lupi sa che sono creature buone che amano i loro cuccioli. Purtroppo le leggende e le storie ne hanno distorto l’immagine consegnando all’immaginario collettivo un profilo sbagliato di questo animale. Potrei allegarti un link dei Nativi Americani dove si spiega del ruolo di questo animale considerato “un Maestro di Vita” ma dubito che tu sappia parlare l’Inglese, e anche se usassi Google Translate, faticheresti a cogliere il significato delle leggende un un grande popolo come i Nativi Americani visto che promulgando quello stupidissimo decreto hai dimostrato di essere caduto nel luogo comune più banale de “i lupi sono cattivi”.

Se in Veneto esiste un “lupo cattivo” probabilmente ha due gambe e le tue sembianze. Il tuo comportamento nelle ultime settimane lo ha ampiamente dimostrato. La tua arroganza, il tuo stile da bambino viziato che non viene messo al centro dell’attenzione e pesta i piedini ti ha reso ai miei occhi ancora più antipatico di prima.

Nel metterti contro +Luca Zaia  hai dimostrato quanto scarso sia il tuo interesse verso il Veneto ed i Veneti e quanto più forte sia la tua passione per le POLTRONE.

Qualche settimana fa eri a Godega di Sant’Urbano per l’inizio ufficiale della campagna elettorale di +Luca Zaia . Lui veramente era già andato via quando tu sei arrivato e sei salito sul palco raccontando di essere appena tornato dalla Cina con un gruppo di imprenditori veronesi. In questo forse si coglie la differenza fra te e Luca.

Quando faccia da “COOL” (renzi) proibì di contrattare con la Russia, Luca è volato in Russia per salvaguardare gli interessi dei Veneti. Tu, caro Flavio, dai l’impressione di essere più propenso ai voli di piacere. E’ vero che eri a New York un mesetto fa? A far che cosa? Guarda, se vuoi imparare bene come si fa il governatore del Veneto (cosa che ti garantisco no ti riuscirà nei prossimi cinquant’anni) basta che ti comporti come ha fatto +Luca Zaia  in questi ultimi anni; sempre presente laddove era necessaria la sua presenza, sia che fosse una “banale” incontro con gli Alpinioppure una improvvisa calamità come quella di Refrontolo lo scorso anno.

Con la scusa di essere stato messo da parte hai fatto la vittima e hai creato il tuo “partito” che andrà ad allearsi probabilmente con chi in questi venticinque anni  di militanza che hai tanto sbandierato, hai sempre considerato il tuo NEMICO POLITICO. Cosa non si farebbe per quella comoda calda poltrona. Io lo scrissi molto tempo fa in Questo post di Febbraio perchè anche per uno che non fa politica attiva  come me è facile capire “da che parte che te va zott”.

E’ stato anche troppo bravo Matteo Salvini a darti troppo tempo per decidere. Personalmente ti avrei preso elegantemente a calci in culo subito. Posso essere d’ accordo  quando si dice che Salvini sia scivolato un po troppo in posizioni radicali, ma da questo a dargli del dittatore mi sembra che hai esagerato.

Il tuo futuro politico? Perderai le elezioni per la poltrona di governatore e questo lo sapevi già prima di candidarti perché il tuo VERO SCOPO é quello di rompere i maroni a +Luca Zaia (magari, sperando di consegnare la vittoria alla sinistra, ma non ci riuscirai) ma soprattutto il tuo VERO ULTIMO SCOPO è quello di fare il bravo ed il bello candidato MODERATO(adesso che ti fa comodo) per renderti appetibile politicamente a quell’NCD di Alfano sul quale fino a qualche anno fa sapevi solo dire peste e corna.
Ti prenderai il tuo sacchettino di voti e lo porterai alla “mecca di Alfano o della Meloni o di chiunque vorrà accoglierti” perchè comportandoti da traditore ti sei scavato da solo la tua “fossa politica” dovrai “accontentarti” di fare il politicante tra i politicanti, difendendo strenuamente quel drappello che deciderà di seguirti. Alla fine verrà fuori il tuo amore per la POLTRONA ma non certo per il Veneto o i Veneti.

Per concludere un augurio che suona proprio bene per te: IN BOCCA AL LUPO, solo che a “crepare” (politicamente s’intende) non sarà il mammifero a quattro zampe ma quello a due.

Cordialmente (ma non troppo)
pio dal cin

Advertisements