Perchè Venezia è tanto bella e tanto sporca?


Perchè Venezia è tanto bella e tanto sporca?

Post da Facebook: (http://goo.gl/ISQYDb Si parla tanto di Roma sporca e puzzolente. E Voglio Venezia pulita come un Museo ogni giorno? E Firenze? E’ ora di darsi una sveglia Brugnaro Sindaco adesso hai l’opportunità di fare veramente la differenza. Tutte le precedenti amministrazioni hanno fatto poco o niente per risolvere un problema (le scoasse) che continua da secoli. La soluzione sarebbe molto semplice, basterebbe avere la volontà di farlo. Assumere degli stewards come a Gardaland che tengano monitorata la pulizia minuto per minuto, ora per ora. Mancano i soldi? Fatelo con i volontari, con gli immigrati ma fatelo.Tutte le città Europee e nel mondo che non hanno nemmeno un centesimo dell’arte e della storia che abbiamo noi tengono le città pulite come dei gioielli, perchè proprio noi Veneti dobbiamo avere la città che potrebbe essere l’ottava meraviglia del mondo sporca come un cesso pubblico mai lavato? Se l’amministrazione comunale e la Regione Veneto non si muovono, il problema resterà sempre lo stesso. I milioni e milioni di turisti continueranno ad arrivare lo stesso, ma non sarebbe bello consegnare loro una città senza carte, bottiglie nei canali, deiezioni umane ed animali negli angoli? I have a dream, una Voglio Venezia Pulita sempre come un museo, ma credo che purtroppo resterà solo un sogno.

by pio dal cin. Codognè. Sono un “campagnolo” ma da quando ho memoria, amo Venezia. Ho imparato ad amarla molto di più conoscendola mentre nel lontano 1986 cominciavo a muovere i miei primi passi come reporter. Una nota Agenzia Fotogiornalistica con sede in centro mi dette la possibilità di partecipare attivamente agli avvenimenti che si svolsero negli anni sucessivi; dal Summit ai Pink Floyd, passando per la visita di vari statisti e personaggi celebri, alle Mostre del Cinema.

Mentre camminavo ogni giorno, per calli e campielli, ho avuto il grande privilegio di conoscere questa meraviglia che tutti ci invidiano. Milioni di turisti ogni anno da ogni dove, per vedere quello che noi Veneti diamo per scontato; le meraviglie di un museo unico al mondo, un museo galleggiante che non ha mai avuto replica in centinaia e centinaia di anni. Venezia è una sola. Venezia è Meravigliosa per gli occhi, per l’anima, per il cuore.

Venezia putroppo è sporca, molto sporca. Lo è sempre stata.

Inutile puntare il dito da parte dei residenti verso i turisti, o viceversa, questa diatriba inutile non ha mai portato a soluzioni concrete. La cacca c’è e va tolta. La puzza c’è e va tolta. Le immondizie ci sono e vanno tolte.

Chi ha avuto la fortuna di poter andare in certi parchi di divertimento come Gardaland o Disneyland, avrà forse potuto notare la presenza di parecchi “omini” o stewards addetti a tener puliti i luoghi che la gente frequenta.
comune
Eccoli con scopetta e pattumiera  ripulire ovunque il maleducato o il menefreghista  lasci cadere una briciola, un pezzo di carta, una sigaretta.

Con la crisi che attanaglia il paese, perchè il Comune, la Regionenon trovano il modo di assumere una cinquantina, un centinaio, un migliaio di questi stewards  che sparsi per calli e campielli facciano in modo che la città più bella del mondo sia ricordata da chi la visita anche come la più pulita?

Mi par di sentire la risposta: ” Non ci sono soldi”. Balle!

E anche se cio’ fosse vero, cari amministratori della città, carissimo Brugnaro forse basterebbe impiegare quei detenuti di piccoli reati che in cambio della libertà potrebbero permutare la loro pena in giorni di lavoro per la Comunità.

Bah.. Lo so, non cambierà niente. Ci hanno provato in tanti, a destra e a sinistra, senza risultato forse perchè e’ sempre mancata la convinzione di poter fare veramente qualcosa.

Io butto li questo mio sassolino, spero possa generare dei cerchi nell’acqua che possano un giorno portare ad una Venezia pulita e profumata; un sogno di mezza Estate…

Tosi e la maledizione del Lupo Bianco (decreta la sua morte politica)


Embed from Getty Images

Leggendo questo articolo doveTosi autorizza l’uccisione dei Lupi in Lessinia (per fortuna bloccato poi dal TAR) immagino difficile che una persona sensibile possa votare per un candidato alla presidenza del Veneto che in nome di una “sicurezza dei cittadini” autorizzi che vengano abbattuti mamma papà e cinque lupetti. Ci vuole coraggio, o mancanza di sensibilità dico io. Il Lupo per i Nativi Americani è un animale sacro, il maestro di vita, colui che insegna ad amare il proprio gruppo e la famiglia.Uccidere un Lupo significa attirare la stessa sorte su di te, caro Flavio e la tua “morte” (politica s’intende) ti verrà servita in un piatto d’argento quando le tue migliori aspettative verranno deluse il 31 maggio quando i Veneti andranno a votare. Il lupo vive per il branco, ed il branco vive per ogni singolo Lupo, proprio al contrario di te caro Tosi che non hai nemmeno avuto l’umiltà di riconoscere la saggezza politica e la superiorità di capacità gestionale e di +Luca Zaia  facendogli uno sgambetto clamoroso. Hai cercato di abbattere il Lupo Alfa per prenderne il posto; qualsiasi cosa pur di conservare una bella e comoda poltrona, altro che “Amore per il Veneto ed i Veneti” Se veramente avessi amato la tua regione non avresti fatto questo subdolo tentativo di trascinare giù dalla montagna Luca e magari, secondo la tua logica un po’ incomprensibile, far vincere la sinistra con “ladylike”.
Stai tranquillo. +Luca Zaia  vincerà alla grande, e tu (lo sai già) ti porterai a casa quella risicata “percentualina” che ti servirà ad i,nserirti tra i moderati che hai combattuto per venticinque anni. “Chi di Lupo ferisce di Lupo perisce”. Vedrai, le promesse che ti hanno fatto a Roma non saranno mantenute poichè no avrai quel peso politico che “loro” si aspettavano e ti faranno fuori senza indugio. Allora ti ritroverai da solo e ripenserai a quello che hai fatto e ti sentirai male entro. Gli amici non si tradiscono Flavio. Quello che hai fatto è molto grave e consegna ai “romani” un Veneto diviso proprio quando l’unità avrebbe fatto comodo a tutti in vista del referendum sull’autonomia e di quello sull’indipendenza.

Hai dimostrato di non amare il Veneto ed i suoi abitanti. Personalmente piuttosto di votare te voterei un Siciliano. Loro almeno hanno un forte senso di lealtà e di appartenenza che sembrano non abitare dalle tue parti. Buon lavoro  Flavio e pensa a quello che hai fatto, ogni giorno quando ti guarderai allo specchio, e se alle tue spalle verai l’immagine di un Lupo ricordati di quelli che volevi far abbattere in Lessinia, e capirai forse, il perché della tua sconfitta come politico ma soprattutto di quella come Veneto.

Tosi il rompiscatole al momento sbagliato (la sinistra ringrazia)


Salvini Zaia e il gioco a rompere le scatole di Tosi

Tosi non ha digerito la decisione di Salvini di candidare “in pectore” +Luca Zaia  a Governatore del Veneto e visto che lo sa meglio di qualsiasi altro Veneto che non potrà opporsi alla popolarità del più bravo governatore d’Italia cosa trova di meglio da fare? Cecare di rompere le scatole. Sembra voglia dire come i bambini capricciosi :” Avete scelto voi il candidato? E io chi sono? Non ho forse portato migliaia di voti alla Lega? Se non posso nemmeno candidarmi dopo 25 anni di militanza allora vedrete, so io come rompervi le uova nel paniere” Così facendo regala  migliaia di voti alla sinistra sperando di impedire l’ascesa del suo “contendente” +Luca Zaia . Mi sbaglierò forse ma secondo me il sindaco di Verona sta per annunciare (dopo che verrà eventualmente allontanato dal partito o si allontanerà da solo) la formazione di un nuovo gruppo, di un nuovo partito che immancabilmente (vedi ultimi viaggi a Roma) andrà ad allearsi con Forza Italia e magari con la romanaccia di Fratelli d’Italia. E’ inutile girare intorno, questo è il quadro che si sta presentando a pochi giorni dalle elezioni regionali. Tosi ha aspettato e scelto il momento più sbagliato per fare il bambino capriccioso ma non gli basterà a fermare +Luca Zaia  che ha dimostrato in questi anni di sapere tenere bene il timone di una regione non facile da governare,e dimostrando con le sue decisioni (vedi sanità) che le cose si possono e si debbono cambiare.Oggi nel programma Agorà a Rai 3 Salvini è intervenuto così


Peccato che Tosi abbia scelto lo scontro diretto e l’intransigenza ma come si sa, non c’è partito in Italia dove non ci siano contrasti o beghe interne. Vedi Forza Italia, che con il “tradimento di Alfano” ha tenuto in piedi un governo di sinistra e ha dato a Renzi una mano enorme a rimanere al suo posto. Vedi il Pd dove ogni giorno c’è una contestazione (messa sempre a tacere da “faccia da Cool” Renzi) Vedi il movimento di +Beppe Grillo  che ormai conta quasi più defezioni che accoliti. 

E’ il destino dei partiti quello di avere le correnti e diversi punti di vista. A volte è un bene, perchè vitalizza e rende frizzante il dibattito interno e arricchisce il partito di nuove idee e soluzioni. La tempistica è terribile da parte di Tosi, +Luca Zaia  non si meritava questo dal sindaco di Verona

 

Codognè Cuore Veneto tutte le interviste


DEC
20

Codognè Cuore Veneto tutte le interviste

Alcuni lettori mi hanno chiesto se fosse possibile accedere alle interviste di #codognecuoreveneto senza dover per forza usare i codici qr. 

Ecco il link che vi porterà al mio blog su wordpress dove potrete vedere tutte le interviste da me realizzate sul mio canale  Youtube Questo è il link per il Mio Canale

Troverete tutti i miei video anche del passato, a volte noiosi, a volte più interessanti.

 Iscrivetevi al mio canale se volete seguire tutti i video che farò in futuro. questo è tutto. Spero che il libro sia piacevole da leggere com’è stato per me scriverlo.

 Se cercate il libro per regalarlo lo trovate presso la Farmacia di Codognè che si è gentilmente offerta di “ospitare” il libro. 

Se avete difficoltà ad uscire o per qualche ragione non potete muovervi di casa chiamatemi pure al 3397749337 che ve lo recapito io a casa nel territorio di Codognè e delle sue frazioni.

Grazie ancora a tutti coloro che hanno acquistato il libro. Sono a disposizione  per qualsiasi domanda vogliate rivolgermi. Domani 20 dicembre +Reteveneta  mi farà un’intervista. Non appena sapro’ quando verrà trasmessa lo scriverò qui sul mio blog preferito http://www.codognetreviso.com

A tutti voi i migliori auguri di un Sereno Natale in famiglia,al calduccio con il presepio.

Codognè Cuore Veneto presentato all’agriturismo Villa Toderini


Pio Dal Cin Un grazie con tutto il Codognè Cuore Veneto e anche il Cuore Italiano a tutto lo staff del’agriturismo www.villatoderini.com per aver organizzato una serata fantastica che tutti ricorderemo per il calore e l’amicizia che si respiravano. Un grazie a Luca Viviana Pier Giorgio Bonicelli e alle signore che hanno aiutato sia in cucina che per il delizioso rinfresco organizzato da Massimo Donà che con i meravigliosi dolci della sua pasticceria ha lasciato nei nostri cuori (e nelle nostre papille gustative) un dolcissimo ricordo della serata. Grazie a Roberto Bet e Lisa Tommasella per l’intervento breve e conciso e per la meravigliosa presentazione. Grazie a Francesca Salvador che mi ha aiutato a portare in porto questa barca sfidando acque a volte calme, altre tempestose. Grazie a Diego Bortolotto della la tribuna di Treviso unico presente della stampa locale assieme a Nadia inviato di Panorama. Grazie agli sponsor che fin dall’inizio hanno creduto in questo progetto innovativo che vuole coniugare la saggezza del passato con il futuro che attraverso questo libro diventa collaborazione e scambio tra vecchie e nuove generazioni, o per dirlo con le parole di Luca Bonicelli, ” il #filoduepuntozero . Grazie a Matteo Moras che ha fatto le riprese fotografiche ed i video che verranno subito girati ad Antennatre e rete veneta per la gioia degli occhi del loro audience. Grazie infine a tutti coloro che hanno partecipato alla serata arricchendola con la loro presenza tra i quali il “medico volante” Csaba Akos Gombos, la Maestra Costella, il Dottor Luigi Esposito, Stefano Dal Cin Clara Battistuzzi, Mario Prode, Adelfio Grando, la nipote del geometra Valerio, la signora Gardenal (moglie del grande sindaco Mario) Aldo Dall’acqua Renato Bergamo (grande sostenitore di questo progetto fin dall’inizio) Livio Aldo Pizzinat della Spaccio Occhiali Vision (grazie per la sponsorizzazione) e la MAEG costruzioni di Alfeo Ortolan che per primi mi hanno sostenuto e spronato a continuare in questo bellissimo cammino che ha portato alla realizzazione di un sogno assieme alla Banca della Marca e alla Cantina di Codognè Treviso Italy che ha fornito l’ottimo #Prosecco Grazie alle Grafiche De Bastiani per il supporto tecnico e la stampa dei libri. GRazie ad Antonio De Nardo per aver portato l’auto che fu di Papa Luciani. Grazie a Gaetano Rossi vero artigiano dell’auto che rappresenta al meglio il modo di fare imprenditoria in Veneto ed in Italia. Grazie per il ricordo di Caro don Mario Dall’Arche, e grazie alla Regione Veneto la Provincia ed il comune di Codognè Cuore Veneto per il patrocinio. Grazie infine a LUCA ZAIA presidente della regione per la presentazione del libro. Grazie a Nelly Pellin e Carlo Felice Dalla Pasqua che hanno promesso di essere presenti Sabato prossimo alla presentazione del libro presso la biblioteca comunale di Codognè Treviso Italy alle ore 17. Grazie a Mauro Corona – Official che da giorni cerco invano di contattare nel tentativo di invitarlo all’inaugurazione..verrà? non verrà? L’importante è che veniate voi, la gente di Codognè Treviso Italy del Codognè Cuore Veneto e tutte le famiglie che mi hanno aperto il cuore (ed i cassetti delle vecchie foto). Grazie a tutti veramente. Grazie infine ad Aurora, mia figlia, alla quale ho voluto dedicare questa mia breve ma intensa escursione nel mondo dell’editoria e grazie a mia moglie Francesca per l’importantissimo sostegno (dietro le quinte) Foto scattate gentilmente da Pierluca Bonicelli di www. villatoderini.com
#filoduepuntozeroP1050729P1050734 P1050735 P1050739 P1050740 P1050747 P1050748 P1050749 P1050750 P1050751 P1050753 P1050756 P1050757 P1050761P1050761P1050753P1050757

Codognè rielegge Roberto Bet sindaco con un plebiscito (75%)


(by pio dal cin)

MAY
26

Codognè rielegge Roberto Bet sindaco con un plebiscito

(by pio dal cin) Congratulazioni a Roberto Bet per la sua rielezione a sindaco di Codognè. Voglio cominciare questo breve articolo con una foto presa da Repubblica  eccola qui

Questo risultato sembra premiare il lavoro svolto durante gli ultimi cinque anni, e prescinde dai Risultati Nazionali (dati Ministero Interno) che hanno visto il PD come prima forza politica del Paese  e la “sconfitta” di +Beppe Grillo  ed il suo M5S.
 
Roberto Bet  è un sindaco Leghista; il primo del paese. La sua vittoria più che un successo della Lega Nord ma il successo che ha ottenuto per la seconda volta è sicuramente legato alla sua gestione della cosa pubblica durante un periodo molto difficile, dal 2009 ad oggi, durante il quale sarebbe stato più facile nascondersi che amministrare con delle assurde regole come ad esempio il Patto di stabilità solo per citare uno dei tanti ostacoli messi tra i piedi a chi cerca di tenere in equilibrio un paese di 5300 abitanti.
 
Roberto Bet ha saputo tenere bene le redini, in un paese non facile e che veniva da dieci anni di amministrazione della sinistra. Ha saputo soprattutto essere il “sindaco di tutti” come aveva annunciato durante la sua campagna elettorale. Certo che accontentare tutti non è possibile,ma se guardiamo il paese di Codognè in provincia di Treviso cinque anni dopo il primo insediamento del primo cittadino lo vediamo sicuramente migliorato nelle opere pubbliche, nella sua presenza sul Web (scrivendo il nome del paese ci sono circa 910.000 risultati utili) Un paese “connesso” come era stato promesso.
 

 
Un’altro pregio di Roberto è sicuramente quello di aver prestato attenzione a chiunque si sia rivolto a lui, anche da coloro che non hanno appoggiato la sua elezione.
Questo non fa che dimostrare che oggi più che a livello locale contano più i volti delle persone e le loro azioni, piuttosto che la loro appartenenza politica.
Questo dovrebbe servire da monito e da esempio a chi governa a livelli più alti, a Roma. 
Grazie Roberto e buon lavoro per i prossimi cinque anni.
 
(il campanile restaurato di Codognè)

 

Enhanced by Zemanta

Caro Sindaco di Codognè.. (sondaggio sull’operato del primo cittadino)


(by pio dal cin) In molti mi hanno chiesto il parere sull’operato di Roberto Bet in questi cinque anni a Codognè. Ho pensato (visto che vanno di moda i sondaggi) di farne uno io a titolo personale. Non ho chiesto il permesso a nessuno per farlo; ho semplicemente redatto le domande alle quali chiunque potrà, se vorrà, rispondere in modo anonimo. I risultati saranno visibili a chiunque, in qualsiasi momento. Qualora vi fossero dei suggerimenti, potrete eventualmente scriverli come commento a questo post. Grazie e buon divertimento.>Inaugurata con successo la mostra di Grillo in Biblioteca a Codognè

 

Enhanced by Zemanta

Codogne’ Treviso Veneto: Codognè.Marcia contro la crisi.Un Successo di pubblico


See on Scoop.itGoogle+ one post at the time

piodalcin‘s insight:

Codognè Treviso Veneto. Luca Zaia e Roberto Bet si alleano con Alex Del Piero e lo Sport Veneto per contrastare la crisi , con la "Marcia contro la crisi" e ottengono un successo di adesioni dal pubblico di appassionati e cittadini stanchi delle vessazioni del Fisco

See on www.codognetreviso.com

Obama President Obama G+ Hangout Screenshots


Obama President Obama G+ Hangout Screenshots

pio dal cin

12:03 AM  –  Public

+Google+  hosted the third Hangout with President +Barack Obama  from the +The White House . Here are the exclusive Screenshots of the event that just ended a couple of minutes ago.

The atmosphere was relaxed and friendly although very important issues were adressed to the President regarding the economy, jobs, the gun control issue and other topics.

On the second part  the participants asked a few lighter questions like the lady from Hawaii who asked the President +Barack Obama how living there affected his life, or the couple expecting a child about which name the president would pick for her…

A great hangout to watch and the great feeling of knowing that this way of communicating has become a familiar way for us as well as for the President of the United States of America.
Personally I would like to thank +Sarah Hill  who believed in Hangouts “When Hangouts weren’t cool* and gave me the great opportunity to participate as a guest to her first LIVE Hangout from a broadcast bach in Sept 12 2011.

thanks to +chee chew (CCS) +Dori Storbeck +Natalie Villalobos +Katherine Gramann

and a special thank to +Bruce Garber who taught me how to take good screen shotsCollapse this post

English: Seal of the President of the United S...
English: Seal of the President of the United States Español: Escudo del Presidente de los Estados Unidos Македонски: Печат на Претседателот на Соединетите Американски Држави. (Photo credit: Wikipedia)

Ministeri trasferiti al Nord? La gente vuole aiuto


Macchè ministeri al Nord la gente ha bisogno di aiuto

 
Una proposta per i nostri ministri. Lasciate il corrispettivo in euro del costo di un’auto blu e aiutate una famiglia disagiata, un asilo in difficoltà, una scuola, un progetto che non puo’ prendere le ali grazie alla crisi. Un ministro che gira in 500 (Luca Zaia docet) è più fico e attira più preferenze di un “pappone” con l’auto blu.
Basta coi privilegi in momenti di crisi. I ministri mangiano brioches mentre la gente non ha soldi per il pane. A lungo andare anche in Italia arriverà il vento della rivoluzione. Non si può andare avanti con ministri che percepiscono dieci volte la pensione di un operaio che ha lavorato quaran’tanni mentre il ministro dopo due anni va in pensione con almeno tremila euro al mese più i privilegi dei quali non possono fare a meno.
Questo è quello che la gente vuol sentire. Mi spiace signor Bossi ma la proposta dei ministeri al Nord in un tempo storico dove con Internet Facebook Twitter e Google si potrebbe benissimo mandare avanti un Paese stando in un rifugio in cima alle Tofane, mi sembra non abbastanza agressivo per la base.
Nel Paese c’è bisogno di moderni Robin Hood. La gente è vessata da tasse inutili. Ci aiuti ad eliminare il canone RAI. Tolga il bollo auto agli autisti senza incidenti. Elimini tasse come queste e vedrà che recupererà l’otto per cento perduto alle amministrative. Vari una legge sull’immigrazione del tipo Americano dove l’INS(Immigration and Naturalization Service) controlla ed espelle i clandestini rei di delitti. Ci faccia sognare come un tempo con la grinta che l’ha sempre contraddistinta impegnandosi in piccole grandi battaglie che portano risultati e voti dalla base. A Codognè in provincia di Treviso, negli anni 90 ci fu un grande movimento popolare che portò all’espulsione di una boss della Mafia napoletana trasferita al Nord da una legge che venne poi abrogata. Lei venne per ben tre volte a Codognè, piccolo paese Veneto della provincia di Treviso. Era Maggio e lei promise che sarebbe tornato ogni anno a celebrare quella grande vittoria popolare.
Questo è quello che vuole la gente. Cose concrete non promesse di ministeri al nord che non gliene frega a nessuno. Sono tempi duri. La gente ha bisogno di aiuto.

Codogne\’ Treviso Veneto: L\’ora del cambiamento per la Lega è giunta


Codogne\’ Treviso Veneto: L\’ora del cambiamento per la Lega è giunta

via Codogne\’ Treviso Veneto: L\’ora del cambiamento per la Lega è giunta.

Facebook Gruppo – BASTA PATENTI A CHI HA GIA’ UCCISO- Appello ai politici-


Ciao a tutti. NOn ho ancora visto nessun uomo politico di spicco iscriversi a questo gruppo fatta eccezione per alcuni gruppi della Lega Nord, non ci sono politici di spicco che si sentano di entrare a far parte di un gruppo come questo che chiede solo che vengano addottate leggi un po’ abbastanza di più ancora, severe in modo che le strade possano un giorno essere più sicure. Un’utopia? Non credo, basterebbe l’impegno e la buona volontà, certro che di tempi come questi si da la priorità a cose più “importanti” come la ripresa economica,la disoccupazione ecc.. Ma se riuscissimo solo a salvare una vita applicando delle leggi giuste avremmo fatto solo il nostro dovere.E’ comprovato che l’unico deterrente ai pazzi della strada sono le sanzioni più forti e le leggi applicate con severità… cosa aspettiamo allora che ci siano dieci, venti, trenta morti al giorno. Ad onor del vero bisogna dire che qualcosa è stato fatto, ma è ancora troppo poco. Chi si mette al volante convinto di essere un dio in terra dev’essere messo in condizione di non nuocere più e deve andare a piedi, specialmente se ha già ucciso. Immaginatevi il dolore di una famiglia, degli amici, dei conoscenti di una persona uccisa sulla strada da un deficiente che usa la macchina come una pistola carica puntata a casaccio…. Faccio quindi un appello a tutti gli iscritti al gruppo: Se conoscete qualche politico, invitatelo ad iscriversi al nostro gruppo http://www.facebook.com/home.php?#!/group.php?gid=112011118847994e a partecipare attivamente al cambiamento delle regole e delle leggi che dovrebbero tutelare la nostra vita e quella dei nostri cari. Pio

100 ways to find ideas for your blog posts


http://www.codognetreviso.com/2010/05/100-ways-tofind-ideas-for-your-blog.html

Codognetreviso rules


ALL MY BEST POST AND ATTENTION WILL BE CONCENTRATED ON PROMOTING THE BLOG OF MY HOMETOWN
HERE IS THE LINK IF YOU CARE FOLLOWING ME (probably not)

http://www.codognetreviso.com/

Zaia: Mercato telematico del vino- opportunità nuova


AL VIA IL MERCATO TELEMATICO DEL VINO

ZAIA: NUOVI CANALI COMMERCIALI PER LE IMPRESE DEL SETTORE

“Accedere al mercato telematico vuol dire per le imprese della filiera vitivinicola allacciare nuovi canali commerciali e aumentare così le proprie opportunità di business. Vuol dire, inoltre,  garantire maggiore efficienza e razionalità al mercato, determinando in tempi rapidi e in modo trasparente i prezzi realizzati e i quantitativi scambiati”.

Così il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia annuncia la presentazione del Regolamento Speciale di prodotto “vino confezionato”, che disciplina le negoziazioni all’interno della Borsa Merci Telematica e il sistema per la contrattazione telematica dei prodotti agricoli, agroalimentari ed ittici. Il nuovo progetto sarà presentato il 9 aprile a Vinitaly, alle ore 11.00 presso lo stand del Mipaaf. Grazie al mercato telematico, gli operatori potranno contrattare diverse tipologie di vini, da quello da tavola all’IGT, al DOC, DOCG, bianchi, rossi, rosati, frizzanti o spumanti, fino ai vini delle categorie previste dalla normativa comunitaria.

La Borsa Merci Telematica Italiana, istituita ufficialmente dal D.M. n. 174 del 6 aprile 2006, sta riscuotendo interesse crescente nel panorama agroalimentare italiano.

Luca Zaia- Prima dichiarazione da Presidente


“Mi impegnerò per dare ai cittadini veneti ciò che, votandomi, hanno chiesto: una Regione moderna, identitaria, capace di creare opportunità per i giovani e guardare con fiducia e ottimismo al proprio futuro. So che si tratta di una grande responsabilità e di una grande sfida che colgo con impegno ed entusiasmo e che affronterò insieme a loro”.